Home / Smorfia / Numeri / Significato del numero 47 nella Smorfia Napoletana

Significato del numero 47 nella Smorfia Napoletana

Significato del numero 47 nella Smorfia Napoletana

Il morto – ‘o muorto

Il numero 47 nella smorfia napoletana viene rappresentato dal morto. Nella cultura popolare napoletana si guardava alla quotidianità ed alle tappe fondamentali della vita umana e quindi anche all’ultima, a quella che ognuno di noi spera si arrivi il più tardi possibile, la morte.

Il popolo partenopeo è riuscito, anche in questo caso, a mostrarci l’evento anche da un altro punto di vista, e come di consueto è riuscito a volgerlo a proprio vantaggio assegnandogli un numero.

Secondo la numerologia effettivamente il 47 avrebbe un qualche significato trascendente ma, rimanendo nel tema smorfia, si può tranquillamente affermare che questo numero non vuole assolutamente avere relazioni con l’aldilà, ma vuole intendere piuttosto la presenza, ancora concreta, del morto tra noi.

Significato del numero 47

Nei sogni

Quando in sogno appaiono i morti potrebbe significare che non si è riusciti ad accettare la morte di una persona, oppure potrebbe anche rappresentare il bisogno di rassicurazioni, protezione ed un po’ di saggezza.

Le tipologie di sogni che vedono la presenza dei defunti sono molte e si possono riassumere più o meno così:

Sognare un morto che ha freddo può mettere in evidenza il primo periodo della sua scomparsa mentre se sente caldo può rappresentare il suo saper essersi ambientato.

Sognare un morto che ti chiama e ti spinge ad andare con lui, è un sogno che spesso fanno le persone che si trovano in uno stato di depressione e che quindi sono pronte a commettere un’atto eclatante.

Sognare un morto intento a mangiare potrebbe intendere che il defunto forse non è riuscito a vivere a pieno la sua vita.

Sognare un cadavere in casa annuncia che presto ci sarà uno sposalizio e se ci si vede nell’atto di seppellirlo l’evento, oltre che lieto, sarà particolarmente conveniente.

Se nel sogno il morto è imbalsamato, pronto per la sepoltura e avvolto dal tanfo allora è molto probabile che si andrà incontro a delle difficoltà impreviste e che coglieranno il sognatore di sorpresa.

Vedere più cadaveri onirici ha una valenza molto positiva, infatti, in famiglia ci si prepara a festeggiare un evento atteso da tutti.

Il numero del morto come detto è il 47, ma potrebbe anche essere il 61. Un cadavere imbalsamato viene rappresentato dal 7, putrefatto o con un cattivo odore diventa, rispettivamente, il 19 e il 52 e se è sepolto il 26.

Infine, si ricorda che il 47 non va giocato se nel sogno la persona defunta la incontriamo come se fosse ancora in vita, va giocato quando anche nel sogno c’è un defunto che, è bene tornare a sottolinearlo, non parla.

Nei tarocchi

Nella cartomanzia, la morte, viene rappresentata dal numero 13 – “Arcano senza nome”. Ci troveremo davanti ad uno scheletro con una forca in mano che va verso un campo e allo steso tempo a persone con teste coronate.

Si tratta quindi di una carta negativa, con minimi aspetti positivi, infatti, significa trasformazione, principio e fine; presagisce inoltre eventi negativi e notizie pessime.

Il significato del numero 47 nella smorfia ha ulteriori interpretazioni::

Significato del numero 47 nella Smorfia Napoletana

ABBELLIRE, AMMAZZARSI, CANALE, COMPILARE, CONCLUDERE, CONTRADA, DESINARE, DETERIORARE, DISCENDERE, ESIBIRE, FIALA, FODERA, GELONI, MANGIARE, OLTREPASSARE, ORTO, PIAGA, PRESTARE, RAME, RATTRAPPITA-O-I-E, RICETTA, RIFIUTARE, RISCUOTERE, SANA-O, SCENDERE, SCHIENA, SCONOSCIUTO, STANZA, TASSA, TORO, VICOLO, VULCANO

Scarica GRATIS l’eBook con i numeri della Smorfia Napoletana dalla A alla Z

 

Admin

Sono un blogger appassionato di news, animali, sport e sono l'autore di questo sito web. Ho collaborato per diversi anni con lo staff di ScuolaZoo e attualmente collaboro con diversi altri siti di divulgazione sia generalista che di settore.
x

Check Also

smorfia

La Smorfia Napoletana numeri da 1 a 90

La Smorfia Napoletana  —>  <— Origini della smorfia napoletana Ancora oggi non ...